Si parla ormai da mesi del calo della copertura organica, della difficoltà a raggiungere tante persone e del cambio algoritmico di Facebook. È tutto vero, adesso (e con tutta probabilità andrà sempre peggio) se un brand, un blogger o qualsiasi professionista ha la necessità di far vedere i propri contenuti al grande pubblico sul Social del caro Mark dovrà pagare.

Facebook è un’azienda e come tale ha un solo scopo, fare utili.

È abbastanza normale quindi che dopo anni di copertura organica decisamente alta adesso l’azienda abbia deciso di monetizzare quanto più possibile, anche per far fronte alle richieste sempre più pressanti dei vari investitori.

Quindi adesso cosa succederà?

Di certo l’ipotesi di lasciare tutti in blocco la piattaforma è assolutamente da escludere, per quanto Social come Instagram (comunque di proprietà di Facebook) e TikTok stiano assolutamente prendendo campo ogni giorno di più.

Facebook sta vivendo in pieno il suo processo di maturazione, passando da semplice piattaforma per stare in contatto con amici e conoscenti a strumento essenziale di marketing e comunicazione. Sono ormai noti i benefici delle campagne pubblicitarie sui Social, Facebook su tutti, ed è quindi davvero difficile pensare che questo cambio di algoritmo e di politica aziendale possa portare alla distruzione della piattaforma.

Di certo gli scandali legati alla privacy ed al trattamento dei dati personali degli utenti non hanno giovato e hanno aperto dei dubbi e delle perplessità sulla reale gestione della piattaforma.

Ciò nonostante i numeri di Facebook sono assolutamente positivi anche se si fa strada un trend sempre più consolidato. L’età media degli utenti di questo Social tende ad essere sempre più alta, non è un caso infatti che la fascia d’età che va dai 16 ai 24 anni abbia addirittura cancellato l’app. Questo non significa che Facebook oggi sia un Social Network per “vecchi”, ma è sicuramente vero che i giovanissimi tendono ad utilizzare altre piattaforme ancora più intuitive ed innovative.

Ad ogni modo oggi il Social di Mark Zuckerberg è un punto di riferimento solido per tutte le campagne di advertising, in quanto offre una possibilità di selezione del pubblico decisamente dettagliata che fa gola a tante aziende.

Facebook è semplicemente diventato un Social più completo, dove si ricercano notizie, dove si fruiscono contenuti, dove si fanno acquisti e dove quasi sempre si trova quello che si cerca. Tutte queste funzioni rendono inevitabilmente la piattaforma più macchinosa e meno reattiva ma indubbiamente più completa di tante altre.

Il Social che ci ha fatto scoprire cosa voglia dire essere connessi tra di noi sta semplicemente cambiando volto, si sta spostando verso l’idea di una piattaforma da utilizzare per tantissime necessità, come qualcosa che possa aiutarci nella quotidianità, oltre il semplice like.

In ogni cosa c’è un inizio e c’è anche una fine, ma dai numeri e dalle interazioni che vediamo, per Facebook non è ancora giunta l’ora.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *