fbpx

Oggi la tua attività può potenzialmente raggiungere qualsiasi parte del mondo, grazie alla rete infatti le barriere di distanza si sono abbattute in maniera totale. Questo è un’enorme vantaggio per le aziende che vendono servizi o beni di facile distribuzione nel mondo.

Ma per il panificio sotto casa?

Esistono infatti tantissime attività locali che non hanno il minimo interesse a farsi conoscere in altri continenti, pertanto per queste piccole imprese una strategia di Local Marketing sembra essere la soluzione migliore per aumentare visibilità e vendite all’interno della loro zona di competenza.

Vediamo quali passi seguire per essere sicuri di essere trovati dagli utenti del quartiere ogni volta che si presenta un bisogno.

 

  • Analisi competitors locali. Il primo passo è fare un giro per le attività simili alla nostra che operano nella stessa zona o città, per capire come utilizzano la comunicazione e su quali canali si basano. Attenzione, non stiamo parlando di copiare strategie, stiamo parlando di capire i movimenti comunicativi dei competitors per avere un quadro chiaro sul linguaggio utilizzato, sul tipo di contenuto che ha più successo e sulle eventuali reazioni degli utenti.

 

  • SEO. Iniziamo subito a farci trovare preparati. Se sfortunatamente rompo il vetro del mio smartphone, dopo aver passato i primi minuti a gridare il secondo step sarà sicuramente cercare un centro di riparazione quanto più vicino a casa mia. Come? Chiaramente con Google e, statistiche alla mano, non andrò oltre la prima pagina di ricerca, il che vuol dire che se nel mio sito non avrò fatto un buon lavoro a livello di SEO sarà molto difficile farmi trovare dalle persone che stanno cercando il mio servizio.

 

  • Google My Business. Create subito una scheda Google My Business, è facile (ci sono centinaia di articoli a riguardo, anche se basta seguire le semplici istruzioni di Google), veloce e soprattutto vi aiuta con l’indicizzazione nel motore di ricerca. Quando verrà eseguita una ricerca locale appariranno i primi risultati business con tanto di mappa ed indirizzo , fate in modo di essere tra quelli, sarà già un grande punto di vantaggio sui vostri concorrenti (fate la prova, digitate per esempio “farmacia a Roma”).

 

  • Google Ads. Ancora Google? Se è tra le principali aziende al mondo ci sarà un motivo. Se operate in una zona particolarmente competitiva non vi basterà prendere provvedimenti solo a livello di SEO e Google My Business. Dovrete prendere in considerazione l’idea di destinare un budget alle inserzioni su Google, dove avrete modo di intercettare con precisione le persone che stanno cercando un’attività come la vostra esattamente nella vostra zona.

 

  • Social Network Ads. Non stiamo qui a spiegare l’importanza, la copertura e la visibilità che oggi i Social riescono a dare ad un’azienda, è una cosa che sapete già. La cosa che forse non sapete è che la copertura organica (quella che si ottiene gratuitamente per intenderci) è ai minimi storici sia su Facebook che su Intagram, il che vuol dire che per sfruttare a pieno il potenziale di queste piattaforme dovrete creare delle inserzioni a pagamento. La bella notizia è che, come con Google Ads, tutto è perfettamente targettizzabile sia a livello di pubblico che a livello di zona, inserendo quindi un raggio di circa 5km dalla vostra attività e selezionando gli interessi del vostro pubblico riuscirete ad arrivare agli utenti che state cercando.

 

  • Storytelling. Oltre le Ads, oltre Google, oltre Facebook c’è una cosa che di sicuro è unica e sola, la vostra storia. Tutti i canali appena elencati non serviranno a nulla se non sarete in grado di raccontare efficacemente chi siete, cosa fate e cosa potete fare per le persone. Ancora meglio se parliamo di attività locali, dove i clienti entreranno più volte durante la settimana, cercate di raccontare loro la storia e l’evoluzione della vostra attività, dando risalto alle qualità che vi distinguono.

La vera differenza nella comunicazione di oggi sta tutta qui, contenuti adatti al vostro brand e continuità. Non vi resta che provare questi passi fondamentali per iniziare a dare un volto nuovo a ciò che fate.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *